In uno scenario fantastico, custodito da un’altissima scogliera che è al picco sul mare, si apre l’ingresso della Grotta Zinzulusa. Un nome semplice che proviene dal dialetto del luogo e che in italiano significa straccio. Si perché l’arcata che sovrasta l’ingresso è ricchissimo di stalattiti che, pendendo verso il basso, danno l’immagine di tanti stracci appesi al muro. Una grotta calcarea dalle origini antichissime invasa di acque marine e dolci di fonte sorgiva le cui azioni hanno permesso il formarsi di rocce dalle forme magnifiche che lasciano il visitatore senza fiato. Un tuffo nel passato più remoto alla riscoperta delle origini della vita nelle viscere fascinose della terra. Una natura davvero incantevole e benigna, custode delle trasformazioni avvenute nei millenni: tutto questo è la grotta della Zinzulusa, la cui visita è assolutamente consigliata per godere uno spettacolo unico nel suo genere e vivere un momento della vacanza in piena simbiosi con la natura. L’insenatura in cui si trova, tra l’altro, lascia il visitatore senza fiato per la sua bellezza. Il mare, benché molto profondo, è cristallino ed il fondale è visibile ad occhio nudo. Fare il bagno è davvero una ciliegina sulla torta. All’uscita della grotta, tra l’altro è possibile prendere un piccolo battello per visitare le vicine grotte marine: la Grotta Azzurra e la Grotta Palombara. La prima rievoca degnamente colori fantastici di una grotta omonima molto più celebre, mentre la seconda è del tutto unica nel suo genere, sia nel genere che nella particolarità di essere luogo ideale per la nidificazione delle colombe.

Visitare la Grotta della Zinzulusa porta immancabilmente ad attraversare la marine di Castro e Santa Cesarea Terme.

Castro Marina è racchiusa in uno scenario incantevole di rocce che degradano dolcemente verso il mare, rendendo il panorama un vero e proprio presepe, dominato dall’imponente e perfettamente conservato castello. Un gioiello assolutamente da non perdere per godere di un mare “da bere” nel senso più autentico del termine, poiché è molto elevata la presenza nelle acque marine di sorgenti di acqua dolce che danno vita a correnti gelide con effetti assai benefici sul corpo umano. Un istituto di bellezza gratuito e a cielo aperto, uno scenario suggestivo. E i nomi delle insenature più conosciute rendono bene l’idea di quanto appena detto: Sorgente, Argentiera, Acqua Viva. Provare per credere, senza tralasciare di visitare la Chiesetta della Madonna del Rosario di Pompei, protettrice della città.

zinzulusa

Il borgo marinaro ha un fascino davvero speciale. Vedere al lavoro i pescatori dell’antico porticciolo permette di rivivere tradizioni ormai quasi del tutto perse e non manca l’occasione per prendere il largo nel mare proprio per vivere tutti insieme una battuta di pesca contornata da deliziose grigliate a bordo delle barche con  il pesce appena pescato. Un’esperienza davvero divertente e gustosa.

Santa Cesarea Terme si erge sulla costa rocciosa in tutta la sua classa ed eleganza. Stazione idrotermale per eccellenza è caratterizzata dalla presenza di acque sulfuree che danno enormi benefici alla salute ed alla bellezza. La località è caratterizzata dalla presenza di sorgenti termali di acque sulfureo-salso-bromoiodiche che sgorgano a una temperatura di 30° in quattro grotte denominate Gattulla, Solfurea, Fetida e Solfatara.

Simbolo della marina è certamente Palazzo Sticchi, espressione unica dello stile moresco ottocentesco. Villa Raffaella e Palazzo Tamborino completano un trittico di edifici dall’architettura e dall’eleganza unici. La costa è interamente rocciosa, contornata dalla presenza di numerose torri, un tempo ad uso militare, ed oggi testimonianza di miti e leggende, come il probabile approdo di Enea.

Salento TREND vi propone una consulenza mirata su queste località, perché decisamente calibrata su esigenze specifiche che puntino al relax ed al benessere, un po’ ai margini, ma non certamente escluse dal centro della Movida.

Ufficio Comunicazione Salento TREND