Il salentino Fulvio Palese continua a mietere successi grazie al suo ultimo lavoro discografico “Alétheia” (AlfaMusic – Egea/Believe). Il saxofonista originario di Racale ha da qualche settimana consegnato alla distribuzione fisica e digitale nove incantevoli pezzi, capaci di ammaliare il pubblico con melodie straordinarie, tra classico e moderno, con un occhio alla tradizione jazzistica che caratterizza da sempre l’eclettico artista. Un mix di musiche d’autore, vere e proprie colonne sonore che appassionano l’ascoltatore. Suoni che si fondono alla perfezione, coordinati magistralmente dal saxofono di Palese. Il CD vede la collaborazione di Pietro Vincenti al pianoforte (coautore di due delle nove tracce e collaboratore agli arrangiamenti), Francesco Pennetta alla batteria, Paolo Romano al basso, Carlo Marzo alle percussioni, Marco Ancona alla chitarra, Alessandro Dell’Anna alla tromba, Francesco Leone al trombone, tutti musicisti di primissimo piano e collaudati collaboratori del saxofonista in altri lavori. Il disco comprende anche due ospiti d’eccezione: Lucia Ianniello con il suadente suono del suo flicorno e Carolina Bubbico, che ha prestato la sua voce per un originale arrangiamento di “Guarda che luna” del grande Fred Buscaglione (unico brano già edito del cd).

Cover Alétheia

Ad oggi “Alétheia” è nella Top 10 di molte classifiche, inserito in mezzo a nomi celebri del panorama jazzistico e non solo. Fra queste la più prestigiosa è sicuramente iTunes.

Grande è la soddisfazione di Fulvio Palese per il successo che sta riscuotendo il suo lavoro, perché dietro vi è una grande quantità di sacrifici, di studio e ricerca musicale. Un successo sicuramente non figlio del caso, ma da ascrivere alla bravura del musicista salentino.

Fulvio Palese083-43

«Sono onorato ed inorgoglito – afferma – di quanto sta accadendo in queste settimane. Lo considero un premio al mio sforzo e a quello di tutti i miei collaboratori. E fra questi un plauso va fatto a Fabrizio Salvatore ed Alessandro Guardia dell’etichetta AlfaMusic, che hanno sposato con entusiasmo il mio progetto e ad Anna D’Antimi che cura per me la comunicazione. Il mio intento – prosegue – era quello di realizzare un album innovativo capace di catturare l’attenzione di un pubblico vasto non solo di addetti ai lavori e che rappresentasse per molti versi il mio mondo e la mia terra».

Ufficio Stampa Salento Trend

Tagged on: